Una carriera precoce fondata sul lavoro

La carriera di Ettore Sansavini, imprenditore di Forlì, inizia negli anni ‘60 in qualità di impiegato in una clinica privata. Il primo incarico importante, quello che in realtà sancisce l’inizio di una lunga carriera, è la nomina alla direzione della Casa di Cura Villa Maria di Cotignola, in provincia di Ravenna.

Nei primi anni di gestione Ettore Sansavini ha solo 28 anni e le difficoltà sono molteplici: la struttura si presenta ancora in costruzione e per il suo funzionamento vengono subito attivate delle convenzioni, mentre negli anni che seguono viene attivata un’assistenza sanitaria obbligatoria, che determina l’incremento del carico di lavoro, e vengono sospese alcune mutue. La crisi non scoraggia l’imprenditore forlivese, che punta la sua attività manageriale sull’incremento dei servizi e sull’alta qualità. Nello specifico, i settori promossi con successo sono quello cardiochirurgico ed ortopedico, per i quali nel 1979 Villa Maria di Cotignola diviene la prima struttura sanitaria privata in Italia.

gvmLa filosofia dell’imprenditore Sansavini non prevede l’inattività e la stipula di nuove convenzioni con l’estero, col fine di estendere i propri servizi, conferisce ben presto a Villa Maria una fama internazionale. Gli incoraggianti risultati del centro ravennate portano Ettore Sansavini, nel 1989, ad acquistare l’intera struttura di Cotignola e spostare la sede direttiva a Lugo, un altro paese in provincia di Ravenna. Questi ultimi sviluppi si concretizzano con la nascita del Gruppo Villa Maria, oggi conosciuto come GVM Care & Research, di cui Ettore Sansavini è presidente.

Alla fine degli anni ‘90 il network GVM Care & Research diviene leader nel settore sanitario privato, con particolare riferimento ai settori della cardiochirurgia e dell’ortopedia, arrivando a diffondersi in modo capillare in tutto il territorio nazionale.

ettore-sansavini-3La carriera di Ettore Sansavini è ormai nota nell’ambiente scientifico e per il lavoro svolto e i servizi offerti alla nazione l’imprenditore viene premiato con l’ambita Medaglia della Presidenza della Repubblica, assegnata dal Comitato Scientifico Internazionale del Centro Pio Manzù. Nonostante il successo il ragioniere di Forlì rimane con i piedi per terra, convinto che i profitti della sua attività vadano nuovamente investiti per l’ampliamento dei servizi e l’ulteriore miglioramento della loro qualità. In quest’ottica, nel 2003 il presidente Sansavini opta per estendere i servizi sanitari per la salute comprendendo anche il settore del benessere. Nello specifico il progetto viene attuato con l’annessione delle Terme di Castrocaro, del suo Grand Hotel e di un centro benessere.

L’evoluzione imprenditoriale di Ettore Sansavini si manifesta con l’acquisto di Eurosets, un’azienda Modenese nata nel 1991 per la produzione di apparecchiature mediche mediante l’utilizzo di una tecnologia avanzata. Sotto la guida di Sansavini Eurosets incrementa la sua produzione di brevetti, arrivando in pochi anni ad elaborarne ben 35.

Un’impresa al servizio della sanità e dei cittadini

Ettore Sansavini converge tutti i suoi sforzi e le sue abilità imprenditoriali nel settore sanitario privato, con il proposito di fornire una vasta gamma di servizi, svolti garantendo al contempo un’alta qualità. Tali presupposti sussistono fin dagli esordi della carriera di Sansavini, quando i reparti di Villa Maria di Cotignola, oggi Maria Cecilia Hospital, vengono allestiti con macchinari all’avanguardia e sofisticate tecnologie. Inoltre, l’alta qualità è garantita anche dalle innovative metodiche di intervento, supportate dalle collaborazioni con illustri medici, tra i quali il noto ortopedico dott. Boccanera. Non meno incisiva è l’etica professionale che accompagna l’intero operato di Ettore Sansavini, apprezzabile nelle numerose convenzioni con l’estero, in particolare con la Tunisia e la Libia.

Attuali impegni ed attività di Ettore Sansavini

Attualmente Ettore Sansavini continua a svolgere il suo ruolo di presidente del Gruppo GVM Care & Research, è inoltre membro della Commissione Sanità di Confindustria dell’Emilia Romagna e figura come coordinatore presso la “Commissione Alta Specialità Alta Complessità”. Vista l’esperienza ormai consolidata nell’ambito sanitario privato Sansavini è inoltre membro sia del Comitato Esecutivo AIOP nazionale, sia dell’AIOP Liguria, di cui è presidente.